zona-franca-sardegna-logo

Primo resoconto dell'incontro a Sorso

  • Sabato, 15 Giugno 2013 12:42
|  
(1 Vota)
Pubblicato in News Sardegna  
|   Etichettato sotto   
Ugo Cappellacci Ugo Cappellacci ZonaFrancaSardegna.com

 

Un suggestivo anfiteatro gremito di cittadini sardi, di ogni paese, di ogni religione, di ogni partito politico. Ecco il messaggio che i circa 700 hanno dato - specialmente ai detrattori ed alle malelingue - durante l'incontro organizzato a Sorso nella serata del 14 Giugno 2013.


Il Presidente Cappellacci stesso ha indossato la spilla con i quattro mori, sottolineando che questa non è la sua battaglia politica, ma la battaglia della polis, dei sardi, un modello di sviluppo economico che trascini velocemente l'isola fuori dalla spirale recessiva in cui suo malgrado versa da decenni.
I soliti avranno da dire anche su questo gesto, perchè tutto viene bollato come campagna elettorale, populismo, retorica. Come però ha precisato il Presidente stesso ieri, che il giudizio avvenga alle urne.


Per il momento occorre concentrarsi sull'obiettivo collettivo e poco importa se a perorare la causa c'è un uomo di uno o dell'altro partito: il popolo ha bisogno di risposte anche dal mondo della politica, non possiamo fare finta che siano sufficienti le sommosse popolari per rivendicare un diritto che ci spetta da più di mezzo secolo.


Il 24 Giugno è una data importante perchè vedrà presenti tutte le delegazioni a Roma, un corteo che dovrà essere SILENZIOSO, per dimostrare la dignità e la serietà del Popolo Sardo che non farà altro che ricordare al Governo la necessità di applicare le Leggi d'attuazione della Zona Franca Integrale sulla base dei criteri di insularità, bassa densità demografica e recessione, come sollecitato da Cappellacci in una lettera inviata al Consiglio dei Ministri.


Durante la manifestazione verrà fatto l'appello per constatare se tutti i sindaci che hanno deliberato saranno effettivamente presenti.


Piccoli grandi passi verso un obiettivo che vede vicina anche la realizzazione dell'Agenzia delle Entrate Sarda ed una maggiore autonomia nel settore trasporti, il cui primo successo è la condanna dell'Antitrust al risarcimento di 8 milioni di euro che le compagnie navali dovranno versare alla Regione Sardegna per la concertazione del caro traghetti nel 2010/2011 ai danni del Popolo Sardo.

Letto 2812 volte Ultima modifica il Martedì, 01 Novembre 2016 20:19

Written By:

ZonaFranca

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign

 

Potresti leggere anche questi!