Stampa questa pagina

Documento scandalo firmato dall'Agenzia delle Dogane nel 2001: sapevano tutto del diritto alla Zona Franca Integrale.

|  
(1 Vota)
Pubblicato in News Sardegna  
|   Etichettato sotto   
 
 

chisacosaPubblichiamo v un documento che era stato "smarrito" e dimenticato dall'ufficio delle Dogane di Cagliari e dimenticato persino da chi oggi fa di tutto per remare contro a questo diritto.

Come i più abili giornalisti di "Chi l'ha visto", noi l'abbiamo scovato. E facciamo un appello per trovare la persona che ha firmato questi importantissimi documenti, il dott. Michele Branca, una persona che a quanto sembra conosceva veramente la legislazione sulla Zona Franca, cioé un vero dirigente dell'Agenzia delle Dogane.
Già la dottoressa Maria Rosaria Randaccio circa un anno fà aveva discusso a lungo con l'attuale Direttore delle Dogane di Cagliari, dott.Demuro, riguardo questo argomento, ricevendo la sbrigativa risposta che quella lettera non fosse mai stata firmata ma fosse semplicemente lo scherzo di qualche burlone.
Questo documento conferma le tesi da sempre affermate dalla dottoressa Randaccio e dall'avvocato Francesco Scifo riportando un parere espresso dalla Direzione Generale delle Dogane su specifica richiesta dell'Amministrazione centrale, in merito ad una Proposta di Legge Costituzionale n.528 del 6 giugno 2001 (qui di sotto allegato).

Il documento evidenzia che la delimitazione dei porti franchi in Sardegna - come da richiesta dei proponenti - fosse riduttiva rispetto a quanto già espresso dal D.Lgs. n.75/98 e che fosse impossibile a causa della distanza tra porti e zone industriali. In esso si specifica che l'unico modo per avere la zona franca in tutta la Sardegna sia quello che essa venga dichiarata "non compresa nel territorio doganale dell'Unione Europea dalla normativa comunitaria; costituito cioè in zona franca-extraterritoriale, analogamente ai territori di Livigno e di Campione d'Italia nonché alle acque nazionali del Lago di Lugano (zone franche extra-doganali)".

Si sta parlando quindi di una risposta dell'Ufficio delle Dogane di Cagliari riguardo una proposta di Legge Costituzionale che intendeva istituire in Sardegna quello che oggi vogliono fare Maninchedda, Diana, Sanna e compagni, cioé solo i porti franchi doganali.
Questa risposta è stata volontariamente messa da parte sia dalle Dogane stesse, che dal partito proponente e persino dal Ministero!

Adesso è ora di scoprire le carte. I nodi vengono al pettine prima o poi.

Luciana Carta

PDF download

Letto 7992 volte Ultima modifica il Venerdì, 22 Gennaio 2016 23:03
Download allegati:

Written By:

Ufficio Stampa