zona-franca-sardegna-logo

STORICA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE. ADESSO LA ZONA FRANCA EXTRADOGANALE E' REALTA'

  • Lunedì, 10 Luglio 2017 15:50
|  
(43 Voti)
Scifo-Randaccio Scifo-Randaccio ZonaFrancaSardegna.com

 

Nonostante il lutto per la morte del suo caro amico Doddore Meloni e un periodo di stressante lavoro, la dottoressa Maria Rosaria Randaccio - presidente del Movimento Sardegna Zona Franca e acclamata fiscalista a livello nazionale - commenta con gioia la Sentenza della Corte Costituzionale  n.154 del 4 luglio 2017 (sotto in allegato).

"Doddore Meloni anche da morto è riuscito a fare un regalo ai sardi!" queste le sue parole nel momento in cui ci affida l'ennesimo suo prezioso scritto per la pubblicazione.

Infatti il giorno prima della sua morte, la Corte Costituzionale ha depositato la Sentenza n. 154 con la quale viene respinto il ricorso presentato dalla Regione Sardegna sulla questione cosi detta “Vertenza Entrate”. "La Corte dà ragione a chi come noi si batte da anni perche venga rispettato quanto previsto dal D.lgs. n. 75/98, ossia il decreto con il quale tutto il territorio della Sardegna è stato dichiarato zona franca.

Nella succitata Sentenza la Corte Costituzionale tira le orecchie al Presidente Pigliaru ricordandogli che il lamentato irragionevole sacrificio economico all’autonomia finanziaria della Regione, protetta dagli articoli 7 e 8 dello Statuto Sardo e dagli artt. 117 e 118 della Costituzione, è stato superato grazie ai vantaggi economici ottenuti con l’accordo stipulato il 21 luglio 2014, dei cui obblighi lo Stato Italiano si è fatto carico emanando il D.lgs. n. 114/2016.

Sentenza n. 154/2017 che ci fa capire che i vantaggi economici compensativi sono quelli previsti dal D.lgs. n.114/2016, che all’art. 14 autorizza l’attivazione in Sardegna delle “Franchigie Fiscali" ossia la concessione ai residenti dei benefici fiscali che competono a coloro che risiedono nei territori svantaggiati e pertanto dichiarati come extradoganali dall’art. 251 e art. 170 del D.P.R. n. 43/73, i cui svantaggi (come essere isole lontane) risultano individuati dall’art. 92 e 234 del Trattato di Roma ratificato con la Legge del 1957, dove si prevede rispettivamente:

- che gli aiuti dati ai residenti nelle zone Franche extradoganali non possono essere considerati come “aiuti di Stato”; 

- e che la Comunità Economica Europea si impegna a rispettare tutti i diritti degli Stati membri antecedenti alla nascita della CEE, e tra questi diritti da rispettare rientrava ovviamente il diritto all’istituzione in Sardegna delle Zone Franche in quanto previsto all’art. 12 dello Statuto Sardo approvato con la Legge Costituzionale n. 3/1949.

Sentenza n. 154/2017 dove si precisa anche, che il richiamato D.lgs. n.114/2016 che detta norme di attuazione all’art. 8 della Statuto Sardo individuando la percentuale delle entrate fiscali devolute dallo Stato alla Regione, all’art. 18 precisa che “le disposizioni contenute dello stesso decreto (114/2016) sono applicabili a decorrere dal 1° gennaio 2010, al fine di eliminare gli squilibri finanziari che sono la causa principale dei problemi economici dell’isola.
Decorrenza giuridica al 2010 (del D.lgs. n. 114/2016) che significa di fatto rendere nulle (anzi inesistenti) tutte le cartelle esattoriali notificate da Equitalia ai residenti in Sardegna, cartelle che hanno determinato gli squilibri finanziari che l’Italia si è impegnata a sanare con il D.lgs. n. 114/2016 la cui applicazione decorre dal 1° gennaio 2010.

Letto 40369 volte Ultima modifica il Lunedì, 10 Luglio 2017 16:31
Download allegati:

Written By:

Ufficio Stampa

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign

 

Potresti leggere anche questi!