zona-franca-sardegna-logo

Esiste già un punto di ritiro per la merce acquistata online dal colosso svedese (con un sovraprezzo a partire da €99), ma da tempo i sardi agognano un vero e proprio punto vendita IKEA in Sardegna.

 

Aprite tutti i cassetti alla ricerca delle monetine che una volta vi erano solo di disturbo nel portafogli.

Secondo le ultime valutazioni dei cataloghi numismatici, punto di riferimento per i collezionisti di francobolli e monete antiche o recenti, le monete in buone condizioni (leggibili e senza graffi) hanno un valore dai 20 ai 2.000 euro, per esempio:

 

Erano in possesso di un ombrello, ma hanno preferito lasciare una bimba di sei anni in balìa della pioggia, per impietosire i passanti, presso il cimitero di Sacconago.

Di zona franca in Sardegna si parla da oltre sessantacinque anni. Ma mai come in questo inizio d'anno, complici anche le recenti elezioni regionali, questo argomento è stato dibattuto negli organi di stampa nazionali, locali e, soprattutto, all'interno delle varie fazioni politiche. Finalmente quindi esiste la dimostrazione che parlare di zona franca non significa fare demagogia, ma trovare una soluzione agli effetti devastanti della crisi mondiale che attanaglia tutta l'economia italiana, e appianare il divario con le altre realtà regionali.

L'impossibilità di raggiungere un accordo tra i vari schieramenti politici all'interno del neonato Governo Renzi, ha costretto il Ministro alle Riforme Maria Elena Boschi a chiedere il ritiro del decreto legge "Salva Roma 2", che conteneva alcuni punti tra cui la salvaguardia della Regione Sardegna a seguito del disastro alluvionale.

 

L'operaio che si spacca la schiena in una grigia fabbrica di città forse - per fortuna - non ha il tempo materiale per navigare sul web e leggere certe dichiarazioni.
E' più probabile invece che uno dei 3 milioni di disoccupati italiani si imbatta in questa notizia, come in una beffarda scena da commediola anni sessanta.

 

Un precedente che può segnare una linea di confine tra lo strapotere del Fisco e i diritti degli imprenditori.

 

E' un piccolo borgo rurale di 2700 abitanti, potrebbe somigliare a qualsiasi paesino del centro Sardegna, invece si trova a circa 100km da una delle città più devastate dalla crisi economica mondiale, Siviglia. Il suo nome è Marinaleda.

E' in scadenza il termine per presentare la richiesta del bonus disoccupazione 2014 erogato dall'Assessorato al Lavoro della Regione Sardegna.

Fulvio Conti è un imprenditore, e come tutti gli imprenditori fa scelte di tipo economico: la fabbrica non rende, la fabbrica si chiude.
L'amministratore delegato di Enel probabilmente applicherà questo ragionamento anche alla centrale del Sulcis, con ricadute drastiche sull'autonomia energetica del territorio e sul livello occupazionale.

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign