zona-franca-sardegna-logo

 

Ecco cosa compete a tutti i comuni sardi dichiarati zona franca secondo la legge italiana vigente. Chiunque dice il contrario dice una cosa non vera e contrastante con le norme esistenti. L'istituto giuridico che riceve un nome è uguale per tutto il paese; diverso è quanto avviene per le zone franche urbane: ma nell'art. 13 bis del Decreto Legge n.78/2015 sfido chiunque a trovare un riferimento espresso alle zone franche urbane che invece vengono espressamente richiamate solo per l'Emilia all'art. 12.

".....Una volta decise le esenzioni, gli Stati membri devono applicarle a tutte le zone franche all'interno del loro territorio"Risposta di Algirdas Šemeta a nome della Commissione Europea (GU C 19 E del 22/01/2014).

LEGGI L'ARTICOLO

 

Pubblicato in News Sardegna

Secondo il vice Presidente del Movimento Sardegna Zona Franca, avv.Francesco Scifo, "L'inconsistenza giuridica delle ragioni di chi nega l'applicabilità della normativa sulla zona franca in Sardegna, allegando fantasiose ragioni d'incompatibilità tra le norme vigenti italiane e regionali ed il diritto dell'unione europea, è chiara, semplicemente leggendo questa risposta ufficiale resa a nome della Commissione Europea dal Commissario Europeo Algirdas Šemeta: "...Ai fini dell'IVA, gli Stati membri hanno la facoltà di applicare nel loro territorio esenzioni dall'IVA sulla cessione di merci e la prestazione di servizi nelle zone franche. Gli Stati membri sono tenuti a consultare preventivamente il comitato IVA in merito alle esenzioni che intendono applicare. Una volta decise le esenzioni, gli Stati membri devono applicarle a tutte le zone franche all'interno del loro territorio".

La risposta ufficiale dell'Agenzia delle Entrate, firmata digitalmente dalla direttrice regionale dott.ssa Rossella Rotondo, che in questi giorni sta pervenendo ai contribuenti che hanno inviato il famoso "Interpello" redatto dalla dott.ssa Maria Rosaria Randaccio, è la seguente:

"L'articolo 5 della Direttiva 2006/112/CE (di seguito Direttiva IVA) definisce chiaramente quale è l'ambito di applicazione territoriale dell'imposta stabilendo che "Ai fini dell'applicazione della presente direttiva, si intende per: 1) «Comunità» e «territorio della Comunità», l'insieme dei territori degli Stati membri quali definiti al punto 2).
Secondo il medesimo articolo per "Stato membro" e "territorio di uno Stato membro", si intende il territorio di ciascuno Stato membro della comunità cui si applica il trattato che istituisce la Comunità europea, (.) esclusi il territorio o i territori menzionati all'articolo 6 della stessa Direttiva.
L'articolo 6 della Direttiva IVA individua i territori, non facenti parte del territorio doganale della Comunità, nei quali non si applicano le disposizioni sull'imposta sul valore aggiunto. Per quanto riguarda l'Italia l'articolo in questione recita: " La presente direttiva non si applica ai seguenti territori che non fanno parte del territorio doganale della Comunità:  (omissis) e) Livigno; f) Campione d'Italia; g) le acque italiane del Lago di Lugano".
Le nozioni di "territorio dello Stato" e di "territorio della Comunità europea", elaborate in sede comunitaria, sono state recepite nel nostro ordinamento interno dall'articolo 7, comma 1, lettera a) del DPR n. 633/1972, il quale dispone che: "Agli effetti del presente decreto: a) per "Stato" o "territorio dello Stato" si intende il territorio della Repubblica italiana, con esclusione dei comuni di Livigno e di Campione d'Italia e delle acque italiane del lago di Lugano".
Pertanto, il "territorio" rilevante ai fini IVA coincide con il territorio della Repubblica italiana, con le uniche eccezioni di cui sopra, tra le quali non è indicato alcun territorio della regione Sardegna. La pretesa non applicazione IVA invocata dal contribuente con riferimento al "territorio della regione Sardegna" non trova, dunque, un riscontro né nella normativa comunitaria né in quella nazionale. I territori esclusi di cui all'art. 6 della Direttiva IVA, infatti, costituiscono un elenco tassativo, non suscettibile di alcuna estensione, come invece proposto dall'istante.
Né a diverse conclusioni è possibile pervenire sulla base della legge costituzionale n. 3 del 1948 con la quale è stato approvato lo Statuto della Regione Sardegna. Infatti, in virtù del principio di primazia del diritto comunitario, le norme di questo hanno prevalenza su quelle nazionali incompatibili, sia antecedenti che successive.
Tale orientamento è stato manifestato dalla Corte di Giustizia, oramai da tempo, attraverso la sentenza del 9 marzo 1978, in causa C-106/77, nel caso "Simmenthal". In tale sentenza la Corte ha stabilito che "in forza del principio di preminenza del diritto comunitario, le disposizioni del Trattato e gli atti delle istituzioni, qualora siano direttamente applicabili, hanno l'effetto, nel diritto interno degli Stati membri, non solo di rendere ipso iure inapplicabile, per il fatto stesso della loro entrata in vigore, qualsiasi disposizione contrastante della legislazione nazionale preesistente, ma anche - in quanto dette disposizioni e detti atti fanno parte integrante, con rango superiore rispetto alle norme interne, dell'ordinamento giuridico vigente nel territorio dei singoli Stati membri - di impedire la valida formazione di nuovi atti legislativi nazionali, nella misura in cui questi fossero incompatibili con le norme comunitarie" (sentenza citata, punto 17). Prosegue ancora la Corte affermando che "il riconoscere una qualsiasi efficacia giuridica ad atti legislativi nazionali che invadano la sfera nella quale si esplica il potere legislativo della Comunità, o altrimenti incompatibili con il diritto comunitario, equivarrebbe infatti a negare, sotto questo aspetto, il carattere reale d'impegni incondizionatamente ed irrevocabilmente assunti, in forza del Trattato, dagli Stati membri, mettendo così in pericolo le basi stesse della Comunità" (sentenza citata, punto 18)."

In sostanza, l'Agenzia delle Entrate, sta dicendo che - dal momento che il nome della Sardegna non compare tra i territori in cui non si applica l'imposta sul valore aggiunto (IVA), come si rileva nell'art.7 comma 1 lettera a) del DPR n.633/1972, in cui vengono citate solo Livigno, Campione d'Italia e le acque italiane del Lago di Lugano - allora la Sardegna non ha diritto all'esenzione dall'IVA (oltre le accise e i dazi doganali).

A scardinare questa assurda e pressapochista conclusione dell'Agenzia delle Entrate, l'avv. Scifo ribadisce che "Se qualcuno sta violando la legge non siamo certo noi, ma chi consapevolmente non applica il trattato dell'Unione, le leggi dello Stato Italiano, le leggi della Regione Sardegna, i D.P.C.M., le delibere della Giunta Regionale."

E continua: "Ecco perché la dott. Maria Rosaria Randaccio ha ragione e solo la malafede di alcuni lo può mettere in dubbio! Capodistria non mi pare sia indicata nella Direttiva n.2006/112/CE citata dall'Agenzia delle Entrate. Come mai allora è legittimamente zona franca?"

 

 

 

 

 

Pubblicato in News Sardegna

Questo sito utilizza cookie tecnici per la navigazione. Non vengono raccolte informazioni personali.

Se continui la navigazione, accetti l'utilizzo di questi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

ultimi EVENTI

Nessun evento

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità.

Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.

ImpronteDigitali Graphics & WebDesign